;Audi Italia Audi Sport Italia
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
CampionatoSuperStarCampionatoSuperStar
News | Monza
modulo stampa invia

IL QUINTO POSTO DI MONZA TIENE IN GIOCO FINO ALLA FINALE DEL MUGELLO IL DRIVER AUDI BAR BARUCH

• Il pilota israeliano della R8 LMS resta terzo incomodo tra Lamborghini e Ferrari
• Il romagnolo Mattia Drudi chiude a testa alta un poker di gare GT3 da ricordare


Sulla storica pista del parco della Villa Reale non è riuscito ai giovanissimi dei quattro anelli Bar Baruch e Mattia Drudi il doppio "miracolo" di vincere due corse consecutive con una spettacolare rimonta dal settimo posto in griglia, ma l'emozionante successo del sabato sul bagnato ed il quinto posto ottenuto sotto il sole autunnale della domenica sono risultati sufficienti a tenere vive le speranze di "scudetto" del pilota israeliano. Baruch tornerà in pista nelle ultime due corse della stagione in programma al Mugello con un bottino di 132 punti, deciso a fare da terzo incomodo per il titolo tra il duo Lamborghini leader (oggi vincitore) Giacomo Altoé/Daniel Zampieri e l'alfiere Ferrari Stefano Gai, che di punti ne hanno rispettivamente 143 e 138.

Per il giovanissimo Drudi, cui oggi spettava il compito di prendere il via, il turno non è stato da brividi come quello di ieri, quando ha ottenuto la prima vittoria della carriera GT3 guidando da funambolo sul bagnato con gomme slick. Peraltro il romagnolo, partito dal settimo posto in griglia, ha subito guadagnato una posizione scavalcando la sola BMW in pista. Drudi ha dovuto tenere a bada il sottosterzo della sua R8 LMS nei primi giri, trovandosi meglio man mano che la distanza aumentava, tanto da fare il suo miglior crono appena prima di cedere il volante a Baruch al tredicesimo giro.

L'israeliano ha scontato i 15" di "handicap-premio" che viene attribuito a tutti i vincitori ed è rientrato in pista alle spalle di un trio di Lamborghini Huracan che hanno monopolizzato il podio, tra i quali quella dei leader della classifica provvisoria Altoé-Zampieri e della Ferrari di Stefano Gai, rivale diretto per il titolo che aveva da poco scontato un drive-through per la partenza anticipata del compagno di team Giancarlo Fisichella, partito in pole. Malgrado il pilota di Karmiel si trovasse a suo agio con l'assetto della vettura di Emilio Radaelli, oggi sul tracciato brianzolo la scorrevolezza della 488 appariva superiore e Baruch ha potuto solo lottare per contenere il distacco dal rivale al minimo e tenere a distanza l'altra 488 di Daniel Mancinelli e Andrea Fontana.


GARA DUE
1. Altoé / Zampieri (Lamborghini) 27 giri in 50'58.742 media 184,1 km/h
2. Spinelli/Veglia (Lamborghini) 1.162
3. Basz/Postiglione (Lamborghini) 11.143
4. Gai/Fisichella (Ferrari) 12.356
5. BARUCH / DRUDI (AUDI) 18.689
6. Fontana/Mancinelli (Ferrari) 22.046
7. Giammaria/Jiatong(Lamborghini)29.436
8. Galbiati/Cenedese (Lamborghini) 1:04.316
9. Davenia (Ferrari) 1:26.49
10. Perolini (Lamborghini) 1:28.029

CLASSIFICA CAMPIONATO GT3 DOPO 12/14 (punti totali) [posiz.prec.]
1. Altoé–Zampieri (143) [3]
2. Gai (138) [1]
3. BARUCH (132) [2]
4. Fisichella (119) [4]
5. Mancinelli/Fontana (89) [5]
6. Veglia (85) [8]
7. Comandini (78) [6]
8. Postiglione (77) [9]
9. Palma/Barri (65) [7]
10. Vedel (65) [10]

Monza (MB) – domenica 7 ottobre 2017


A MONZA I GIOVANI DELL'AUDI R8 LMS GUIDANO DA VETERANI RIMONTANDO FINO ALLA VITTORIA

• Sul bagnato Bar Baruch risale dal settimo posto al secondo per rilanciarsi in campionato
• Prima vittoria in GT3 per Mattia Drudi, che "doma" la pioggia malgrado le gomme slick


L'accoppiata "verde" Audi Sport Italia formata da Bar Baruch e da Mattia Drudi oggi in pista a Monza ha dato prova di grinta e freddezza degna di grandi veterani: l'israeliano ha fatto un eccellente turno con le gomme rain sul bagnato rimontando dal settimo al secondo posto, mentre il romagnolo ha dato spettacolo ripartendo primo dopo il cambio pilota e tenendo il comando con le gomme slick sulla pista viscida, a tratti mettendo in mostra doti da acrobata del volante.

Quando ha cominciato a piovere a pochi minuti dal via dell'undicesima gara della stagione GT, l'israeliano dell'Audi era contento della prospettiva perché gli piace correre con le gomme rain: lo ha dimostrato già al primo passaggio guadagnando due posizioni al semaforo. Salire dalla quinta alla terza posizione gli ha richiesto un altro paio di giri, e particolarmente bella è stata la sfida con la Lamborghini Huracan di Vito Postiglione e Karol Basz. Al quarto giro Baruch scavalcava il polacco ed andava a caccia del leader della gara e del campionato, il ferrarista Stefano Gai (che divide la 488 con Giancarlo Fisichella). Il pilota di Karmiel ha messo in fila una serie di giri ad alto ritmo avvicinando la Ferrari. Sapendo di non avere da scontare handicap-tempo al cambio pilota, al contrario dell'ex-campione italiano GT, Baruch non esagerava per andare in testa a tutti i costi, anche perché alla soglia della metà gara la pista si stava asciugando.

L'asfalto che man mano si asciugava ha indotto tutti o quasi i team del GT italiano a sfruttare il cambio pilota per montare le gomme slick. Nessuno aveva però previsto l'uscita di strada di una Ferrari 488 sul rettilineo dei box, che faceva entrare la safety-car pochi istanti dopo il rientro in pista dell'Audi R8 LMS di Drudi, che ricominciava la corsa da leader. E nessuno aveva previsto che il romagnolo, appena alla seconda corsa con la vettura di Emilio Radaelli, avrebbe ripreso la gara mentre ricominciava a piovere stabilmente. Quando al 16.imo giro la safety-car lasciava il tracciato e mancava poco più di un quarto d'ora alla fine nessuno voleva fermarsi ai box per montare ancora le gomme da bagnato. Così Drudi è stato bravissimo a gestire una situazione critica, aiutato da un eccellente ABS in frenata sul bagnato ma con l'inserimento in curva reso non facile dalle coperture non adeguate allo stato dell'asfalto. Inoltre Drudi aveva alle spalle un veterano come Postiglione, che conosce il GT3 e Monza come le sue tasche, ma la pressione non lo ha indotto all'errore e il pilota Audi ha così siglato la prima vittoria nel tricolore.

Per Baruch invece quella di oggi è la terza vittoria (nelle altre gare era affiancato a Marcel Fässler e Jamie Green), un risultato che lo spinge dal terzo al secondo posto nella classifica piloti. Dopo l'undicesima corsa della stagione Gai resta leader con 130 punti totali (121 compresi gli scarti) e Baruch ne ha ora 125 (113 quelli validi), abbastanza per scavalcare i piloti Lamborghini oggi quinti Giacomo Altoé e Daniel Zampieri che di punti ne hanno 123 (ma stanno meglio con gli scarti, a quota 116). Domani al via Fisichella e Gai partiranno dalla pole position e senza handicap-tempo, mentre la Lamborghini in lizza per il titolo conduttori avrà 10" con cui fare i conti, 5" meno di Baruch e Drudi. Intanto però, per un giorno, Audi Sport Italia si gode la terza vittoria stagionale, un totale che mancava dalla stagione 2014, nella quale però aveva due R8 in pista invece dell'unica attuale...

GARA UNO
1. BARUCH / DRUDI (AUDI) 23 giri in 50'57.725 media 156,9 km/h
2. Basz/Postiglione (Lamborghini) 5.843
3. Comandini/Koebolt (BMW) 33.819
4. Gai/Fisichella (Ferrari) 35.135
5. Altoé / Zampieri (Lamborghini) 35.583
6. Veglia/Spinelli (Lamborghini) 42.808
7. MAGNONI/MARCHETTI (AUDI) 57.466
8. Davenia (Ferrari) 1.54.667
9. Perolini (Lamborghini) 2:01.190
10. Mann/Cressoni (Ferrari) 2:07.643

CLASSIFICA CAMPIONATO GT3 DOPO 11/14 GARE (punti totali) [posizione precedente] 
1. Gai (130) [1] 
2. BARUCH (125) [3]
3. Altoé–Zampieri (116) [2]
4. Fisichella (111) [4]
5. Mancinelli/Fontana (84) [5]
6. Comandini (78) [6]
7. Veglia (70) [8] 
8. Palma/Barri (65) [7]
9. Postiglione (65) [10] 
10. Vedel (65) [8]  


Monza, sabato 6 ottobre 2018


Le qualifiche del GT a Monza concluse al settimo posto da entrambi i driver Audi

 

•   Bar Baruch oggi dovrà difendere le chance di titolo partendo dalla quarta fila 
•   Per l'israeliano ed il compagno Mattia Drudi gara del sabato senza handicap-tempo 


Due volte settimi stamattina i piloti Audi Sport Italia nelle qualifiche della penultima tappa del tricolore GT, che oggi prevede l'undicesima corsa della stagione con partenza alle 13.20 (con diretta streaming e dalle 13:15 su RAI Sport). Bar Baruch ha terminato settimo a sei decimi dalla pole del leader del campionato Stefano Gai (1'47"815), e la stessa posizione occuperà domani in griglia il suo compagno di colori Mattia Drudi, classificato ad otto decimi dalla pole position di Giancarlo Fisichella, nella più veloce delle due sessioni del mattino. Il ferrarista ha anche stabilito con 1'46"695 il nuovo record in qualifica della categoria GT3 nell'autodromo del parco della Villa Reale. 
La qualifica di Baruch, il primo dei due giovani piloti dei quattro anelli a scendere in pista, ha lasciato qualche rimpianto su un tempo migliore alla portata sfuggito per traffico trovato alla variante Ascari. Una Porsche ha rallentato l'israeliano nel corso del suo sesto giro lanciato e con gomma nuova. Limando quattro, cinque decimi al suo tempo di 1'48"448, appariva possibile una partenza in terza fila invece che in quarta: dettaglio non trascurabile considerando che oggi Baruch e Drudi hanno l'obiettivo primario di terminare davanti a Gai e alla coppia Lamborghini Altoé-Zampieri, i rivali che precedono il pilota di Karmiel in campionato. 
Le speranze di scudetto di Baruch saranno oggi assistite perlomeno dall'assenza di handicap-tempo al momento del pit-stop obbligatori, mentre i tre rivali avranno da fare soste più lunghe della coppia Audi. Per la seconda volta al volante della R8 LMS, nella sua qualifica il romagnolo Drudi aveva iniziato positivamente avvicinando subito il tempo di 1'48", ma è apparso ben presto chiaro che il duello iniziale tra le Lamborghini Huracan di Pavlovic, Postiglione e Spinelli segnalava che attorno all'1"47 o oltre si sarebbe giocata la pole position. Nel corso del suo settimo giro con gomma nuova Drudi scendeva a 1'47"819, tempo che migliorava ulteriormente al passaggio seguente (1'47"555). Il miglior crono del giovanissimo figlio d'arte però risultava insufficiente rispetto ai tempi della prima fila, col poleman Fisichella e la Lambo di Vito Postiglione in vetta con tempi sul passo dell'1'46 "alto". Quasi sotto la bandiera a scacchi il quinto tempo di Drudi, buono per una terza fila domani pomeriggio, diventava infine un settimo posto, con la BMW di Koebolt e la Huracan di Zampieri che riuscivano ad inserirsi davanti alla R8 LMS.


 
Monza (MB) - sabato 6 ottobre 2018

 

ORARI

 

VENERDI 5 OTTOBRE 
prove libere 10:45-11:35
prove libere 15:15-16:05
SABATO 6 OTTOBRE 
qualifica uno 09:35-10:00
qualifica due 10:10-10:35
partenza gara uno 13:20 (48' + un giro)
DOMENICA 7 OTTOBRE 
partenza gara due 14:00 (48' + un giro)

   
Contatti  |  Photogallery  |  Download  |  Privacy Policy  |  Cookie Policy
 
   Copyright® 2012 Audi Sport Italia S.r.l. | P.IVA 00865690960